Roomba e le funzioni per pulire la casa

Li abbiamo visti tante volte in commercio da qualche anno ormai ma non c’è donna che non farebbe salti di gioia nel poterli avere fra i propri elettrodomestici a casa.

In realtà sono molto più che elettrodomestici: sono dei robot con funzioni speciali per effettuare una seria pulizia di casa; e sono talmente validi che da quando negli anni ’90 sono stati immessi sul mercato sono diventati i più amati dalle donne che li hanno portati ad un successo mondiale, facendo anche in modo che le aziende produttrici, tra cui la iRobot per Roomba,immettessero sul mercato modelli via via aggiornati e dotati di novità tecnologiche sempre più utili.

Se desiderate approfondire le informazioni necessarie ad una scelta attenta e idonea alle vostre esigenze, potete leggere il sito miglioriroomba nel quale troverete molte indicazioni per muoversi in un mare di offerte via via sempre più ricche e articolate.

 

Gli elementi base per scegliere un Roomba sono anzitutto la struttura

Parliamo di dimensioni del robot: ricordate che dovrete fare attenzione più che alle dimensioni e al diametro del robot, alla sua altezza perché sarà in funzione di questa misura che potrà passare sotto i mobili e pulire agevolmente tutta la superficie. Ovviamente ricordatevi di prendere la misura della distanza dei vostri mobili da terra per capire quale è il robot che meglio si adatta alla vostra realtà.

 

Considerate poi le superfici e le funzioni presenti in questi robot. Una importantissima è la capacità di autonomia e la ricarica, due dati in rapporto diretto fra loro: infatti quanto più dura la ricarica, tanto più ampio sarà il raggio d’azione del vostro robot aspirapolvere.

Un esempio? Un’ora sono quanto basta per pulire 40-45 metri quadri di superfici, 2 ore bastano per una superficie di circa 100 metri quadri.

 

In quanto alla ricarica, le funzioni comprendono quella della mappatura della superficie da pulire in base alla quale il robot sa come e dove muoversi e nello specifico, sa ricordare dove si trova la stazione di ricarica; nei modelli più avanzati, sa anche mettersi in carica da solo.